PROSSIMO TURNO

Stagione 2015/16



ULTIMA PARTITA 1° SQUADRA
ULTIMA PARTITA JUNIORES
ULTIMA PARTITA ALLIEVI
10/05/15 - CAMPO EX GESUITI

1-2
SCORE

CLICCA E VEDI I TABELLINI
23/03/15 - CAMPO EX GESUITI

2-1
SCORE

STAGIONE 2014/15
08/03/15 - CAMPO EX GESUITI

1-4
SCORE

STAGIONE 2014/15
.
LA NOSTRA STORIA, I NOSTRI CALCIATORI

Antonio Matarazzo

stagione: 1968

ruolo: Attaccante

Clemente Prioli

stagione: 1965

ruolo: Allenatore

Emilio Tuccella

stagione: 1968

ruolo: Portiere

Lamberto Maione

stagione: 1968

ruolo: Attaccante

Lello Toschi

stagione: 1968

ruolo: Mediano

Lino Maione

stagione: 1968

ruolo: Difensore

Mimmo De Berardinis

stagione: 1968

ruolo: Difensore

Pietro Dezio

stagione: 1968

ruolo: Centrocampista

Roberto Gentile

stagione: 1968

ruolo: Centrocampista

Rodolfo La Torre

stagione: 1968

ruolo: Difensore

Antonio Di Leonardo

stagione: 1966/67

ruolo: Attaccante

Lucio Carusi

stagione: 1974/80

ruolo: Portiere

Vincenzo Pignoli

stagione: 1973/74

ruolo: Difensore

Massimo Pisarri

stagione: 1973/74

ruolo: Centrocampista

Peppino Mantini

stagione: 1973/74

ruolo: Centrocampista

Marco D'Incecco

stagione: 1973/74

ruolo: Centrocampista

Guido Paolucci

stagione: 1973/74

ruolo: Difensore

Claudio Morelli

stagione: 1973/74

ruolo: Difensore

Saiddo Dioguardi

stagione: 1973/74

ruolo: Attaccante

Lauro Petrelli

stagione: 1973/74

ruolo: Attaccante

SE ANCHE TU HAI FATTO LA STORIA DELL'URSUS INVIACI UNA FOTO ED I TUOI DATI PER ARRICCHIRE LA NOSTRA BACHECA.
info@ursus1925.it - Tel. 085.9508161 - Fax 085.9508157
_

Dal 1925 una storia continua

 

 




prima amichevole
marzo 1924 - campo Riviera
URSUS - Pratola 4-0
Verrocchio, Orsini, Di Tommaso, Pozzi, Noruzzi, Brindisi, Solazzi, Pesce, Nini, Flaiano, Sbrizzi.


 

 




Giocando a calcio sulla riva adriatica, i giovani di Castellamare, sognavano di formare una vera squadra. Quando l’imprenditore Italo-Americano Masi impegnato nel settore degli alcolici e della dolciaria decide di ristabilirsi in Abruzzo realizza tramite il figlio il desiderio di quei ragazzi dando vita alla prima società di calcio pescarese.
Per la scelta del nome, l’Italo-Americano si ispirò al film “Quo Vadis?” diretto dal regista Gabriele Maria D’Annunzio, figlio del Vate e suo amico personale, che vede protagonista Ursus. Uomo forte e gentile, gigante dalla forza prodigiosa in grado di uccidere qualunque uomo a mani nude, ma con un cuore puro e un animo gentile, Ursus, protegge infaticabilmente colei che onora come sua principessa, Licia.
Le caratteristiche della personalità di questo personaggio motivano l’imprenditore Masi così tanto da scegliere per il sodalizio, il nome “URSUS 1925”, in onore del film e dell’anno della fondazione della squadra.
Il Vate nello stesso anno chiese all’amico Masi la proiezione in anteprima del film nelle sale cinematografiche di New York, città di residenza del presidente, il quale riuscì nell'impresa.
Dopo la costituzione della società di cui Masi, oltre ad essere fondatore è anche presidente, si giunge alla scelta dei colori, suggeriti dalle sfumature della città. Il giallo del sole e il blu del mare sono, dal 1925 i colori sentiti e radicati che suscitano ancora oggi forti emozioni e grande rispetto per la gloriosa storia di ieri.

Da un sogno datato 1924 si passa alla concretezza del primo campionato del 1925 che vede subito protagonista l’URSUS arrivando seconda nel campionato senza perdere mai e entrando subito nel cuore del pubblico che sin dall’inizio li seguiva a migliaia.
E’ così che il primo sodalizio della città nel 1925 inizia a scrivere la storia del calcio a Pescara e nel 1926 con una formazione di giocatori cittadina inizia a condividere le soddisfazioni delle vittorie insieme ai suoi tanti tifosi.



 

 




agosto 1925 - campo Rampigna
URSUS 1925 - Aternum 2-1
Verrocchio, Ercole, Di Tommaso, Baldacci, Masi, Brindisi, Lenzi, Monti, Poltronieri, Solazzi.


 

 

 

 

 

 

 



23/4/1926 - campo Riviera
URSUS 1925 - Chieti 6-2
Verrocchio, Ercole, Di Tommaso, Baldacci, Masi, Brindisi, Solazzi, Zazzetta, Paltrinieri, Manfredini (Ninì), Sorge.




 

 

 


La storia continua, stiamo lavorando per raccontarla